Roma Firenze Off Road

Italia

Mountain Bike

Roma Firenze Off Road

Italia

GIORNI:9
KM:615
D+:12300
LIVELLO:8

Da

1790€

a persona

Alla riscoperta del Bel Paese

Questo viaggio è nato con l'intenzione di far conoscere ai nostri clienti che vengono dall'estero alcune delle innumerevoli bellezze del nostro paese.

Convinti che la mountain bike sia uno dei mezzi più appropriati per conoscere a fondo un paese abbiamo disegnato 8 tappe che uniscono Roma e il Colosseo a Firenze e la sua Piazza della Signoria.

Dopo la prima edizione del maggio 2011 ci siamo resi conto della bellezza dei luoghi attraversati in sella alle nostre mtb ed abbiamo deciso di allargare questa proposta anche al "pubblico" italiano.

L'antica Via Francigena, le strade bianche del Chianti, le piste forestali del Monte Amiata e le incredibili Vie Cave dell'Alta Tuscia saranno parte dello scenario dove si svolgerà questo incredibile spettacolo su due ruote.
Un viaggio che ha richiesto diversi mesi di preparazione ma che ci ha permesso di riscoprire angoli dimenticati che ci faranno ricordare perchè l'Italia è conosciuta in tutto il mondo come il "Bel Paese".

8 tappe per circa 700 km e quasi 13.000 mt di dislivello positivo accumulato nonostante il punto più alto sia "solamente" a 1.400 mt sul Monte Amiata.

Un viaggio per gambe forti con continui saliscendi e scenari mozzafiato.

Il Lago di Bracciano, Tarquinia, Pitigliano Saturnia, Bagno Vignoni e Siena, solo alcune delle località che attraverseremo.

Arte, cultura, natura e ovviamente vino e buon cibo renderanno unica questa esperienza!

Tappe

5 Maggio 2017: Roma
Arrivo dei partecipanti, sistemazione in hotel. Briefing di presentazione


6 Maggio 2017: Roma - Bracciano
1ª Tappa - 95 km - Dislivello+ 1.000 mt
Iniziamo a pedalare dal centro di Roma, ammirando alcuni dei suoi famosi monumenti. Dopo la tradizionale foto di gruppo con il Colosseo sullo sfondo ci immettiamo sulla ciclabile lungo il Tevere che ci porterà fuori città. Attraverseremo dunque la tranquilla campagna romana e pedaleremo all'interno del bel parco Regionale di Veio che include alcuni interessanti single track. 

Dopo pranzo continueremo verso il lago di Bracciano, sfidando il vento contrario che normalmente soffia dal mare verso l'interno. Quando scorgeremo all'orizzonte il Castello di Bracciano sarà tempo per l'ultima discesa che ci condurrà al nostro hotel, sulla riva del lago.

 

7 Maggio 2017: Bracciano - Tarquinia
2ª Tappa  - 76 Km - Dislivello+ 1.700 mt
Lasciamo le tranquille sponde del lago per iniziare la tappa che ci porterà verso nord, con continui saliscendi, attraverso le montagne della Tolfa.
Potremo bere un caffé a Canale Monterano prima di entrare nella Riserva Naturale che attraverseremo lungo una bella strada sterrata. Sarà possibile ammirare le Mucche Maremmane con le loro grosse corna che pascolano placidamente.
Dopo una veloce discesa nel bosco lungo una vecchia strada ormai semi abbanodonata attraverseremo il fiume Mignone.
Dopo il fiume una ripida salita ed una breve sezione su una vecchia ferrovia giungeremo nei pressi di Tarquina, ricchi di scavi e tombe etrusche.
Termineremo la nostra giornata entrando a Tarquinia attraverso Porta Castello, faticosamente raggiunta risalendo un sentiero in parte dissestato.

 

8 Maggio 2017: Tarquinia - Lago di Mezzano 
3ª Tappa - 80 Km - Dislivello+ 1.200 mt
La giornata inizia su una facile strada secondaria che ci condurrà a Canino, all'inizio del Sentiero dei Briganti, una antica rete di sentieri utilizzati nel 19º secolo dai banditi che vivevano in queste zone. Vicino a Castro incontreremo la nostra prima Via Cava, una tipica strada etrusca scavata nel tufo.
Dopo pranzo attraveresermo la Foresta del Lamone lungo una delle sue belle piste forestali. Questa sembra sia la famosa "Selva Oscura" menzionata da Dante nella sua Divina Commedia.
L'ultima parte di giornata sarà la più impegnativa, con ripide salite che ci ricompenseranno con splendide vedute sulla campagna circostante ed il mare - se saremo fortunati!
Passeremo la notte nell'idilliaco agriturismo del Lago di Mezzano, con la posssibilità di degustare i tipici prodotti locali. 

 

9 Maggio 2017: Lago di Mezzano - Saturnia
4ª Tappa  - 70 Km - Dislivello+ 1.200 mt
Dal Lago di Mezzano ci dirigiamo verso il piccolo paese di Latera. Stiamo pedalando nell'Alta Tuscia, un area ricca di monumenti etruschi. Visiteremo i centri storici di Sorano, Pitigliano e Sovana, i cosiddetti paesi del Tufo, prima di giungere attraverso una bella strada con continui saliscendi nei pressi di Saturnia.  
Dopo il pranzo a Pitigliano entreremo nelle spettacolari Vie Cave di cui la zona è particolarmente ricca.Passeremo la notte vicino a Saturnia con la possibilità di godere delle sue rinomate terme all'aperto.

 

10 Maggio 2017: Saturnia - Monte Amiata
5ª Tappa  - 55 Km - Dislivello+ 2.300 mt
Oggi è la giornata degli scalatori, dovremo raggiungere il punto più elevato del nostro viaggio: i 1.400 metri del Monte Amiata.
Il Monte Amiata è un antico vulcano, oggi ricoperto da fitte faggete. Ne raggiungeremo la vetta seguendo il corso del fiume Albegna, che attraverseremo diverse volte nel corso della giornata.
Partendo dal nostro agriturismo, dopo circa 3 chilometri incontreremo il primo guado sull'Albegna. Inizierà poi una ripida salita di 5 chilometri che ci porterà a Rocchette di Fazio. Dopo aver passato un ponte continueremo a salire fino ad imboccare un sentiero che passa sotto il piccolo borgo.
Dopo aver attraversato nuovamente il fiume risaliremo fino a Roccalbegna dove potremo riempire le nostre borracce con l'acqua che sgorga dalle sue numerose fontane. 
Risaliremo dunque nella Riserva Naturale del Monte Labbro a 1.000 metri di altitudine, per poi ridiscendere ad Aiole.
Inizieremo infine la salita finale nella pista forestale che ci porterà sull'Amiata, attraversando prima boschi di castagni che lasceranno posto alle ombrose faggete interrotte di tanto in tanto da ampi prati.

 

11 Maggio 2017: Monte Amiata - Pieve a Salti
6ª Tappa - 73 Km - Dislivello+ 1.500 mt
Lasciamo il nostro accogliente hotel nei pressi della vetta dell'Amiata ed entriamo nel bosco per pedalare alcuni divertenti single-track. Giunti al Rifugiodi Capo Vetra imbocchiamo l'ampia forestale fino a Vivo d'Orcia. È una lunga e piacevole discesa che ci condurrà nel Parco Artistico, Naturale e Culturale della Val d'Orcia, in provincia di Siena. A Castiglione d'Orcia pedaleremo sulla nostra prima Strada Bianca.
Potremo visitare il piccolo borgo di Bagno Vignoni, famoso per la piazza in cui si trova una piscina naturale. Dopo un tratto tecnico in salita ci fermeremo per il pranzo nei pressi dell'Abbazia di Sant'Antimo. Continueremo poi su strada bianca per Villa a Tolli attraverso il Passo di Lume Spento fino a Castiglione nel Bosco.
La nostra destinazione di giornata è la Fattoria di Pieve a Salti, situata nei pressi del bel borgo di Buonconvento.  

 

12 Maggio 2017: Pieve a Salti - Fonterutoli
7ª Tappa - 83 Km - Dislivello+ 1.700 mt
Da Pieve a Salti pedaliamo verso il centro storico di Siena, dichiarato patrimonio dell'umanità dall'Unesco. La città è famosa in tutto il mondo per il Palio delle contrade che si svolge due volte all'anno, oltre che per la sua cucina, arte e musei.
In questa tappa pedaleremo parte dell'Eroica, un percorso ciclioturistico permanente di circa 200 chilometri, in gran parte su strade bianche.
Dopo pranzo risaliremo le colline del Chianti, luogo di produzione dell'omonimo vino. La nostra destinazione è lo splendido borgo di Fonterutoli, nel cuore della zona di produzione del Chianti Classico.

 

13 Maggio 2017: Fonterutoli - Firenze
8ª Tappa - 80 Km - Dislivello+ 1.700 mt 
L'ultima tappa del nostro viaggio ci condurrà infine a Firenze.
Da Fonterutoli seguiremo il percorso dell'Eroica fino a Radda in Chianti da dove inizieremo a risalire verso Volpaia ed il suo Castello. Una pausa caffè sarà d'obbligo.
Proseguiremo nel bosco che ci porterà a Monte San Michele, il punto più elevato delle colline del Chianti.
Pedaleremo sulla dorsale del Chianti fino a raggiungere Poggio alla Croce dove avremo una ampia visuale sulla Val d'Arno. Da qui proseguiremo su strade secondarie prima ed uno spettacolare single track poi, che ci offrirà una vista privilegiata su Firenze.
Entreremo in città sulla pista ciclabile lungo il fiume Arno per terminare il nostro viaggio, dopo avere atraversato Ponte Vecchio, in Piazza della Signoria.

Celebreremo la nostra avventura in una tipica Osteria dove potremo assaggiare una ottima bistecca fiorentina ed i deliziosi Cantucci con il Vin santo.

 

Fine del viaggio e dei servizi. I partecipanti posso continuare autonomamente il proprio viaggio o tornare a Roma

Date

Informazioni di arrivo e partenza

Arrivo all'hotel a Roma entro le 15.00 del 5 Maggio 2017

Partenza dall'hotel di Firenze dalla mattina del 14 Maggio 2017

 

Viaggio su misura

Su richiesta in date differenti per gruppi minimi di 6 persone

Contattateci per maggiori informazioni.

Prezzo

Il costo individuale di partecipazione è di € 1.790

Numero minimo 6 partecipanti
Numero massimo 15 partecipanti 


Il prezzo include

  • Veicoli dell’organizzazione per trasporto bagagli e assistenza
  • Equipe organizzativa e logistica composta da guide in mountain bike , autisti ed aiutanti
  • 8 colazioni, 8 pranzi (al sacco) e 7 cene
  • 9 notti in Hotel e Agriturismo in camera doppia o tripla a seconda del numero di partecipanti.


Il prezzo non include

  • Biglietto aereo o di treno A/R e overbaggage
  • Vitto e alloggio nei giorni precedenti il 5 maggio e successivi al 13 maggio
  • Il pranzo e cena del 5 maggio a Roma
  • La cena del Giorno 13 maggio a Firenze
  • Mance e bevande (l’acqua è compresa) durante le cene negli hotel.
  • Servizi e trasporti extra prima del 6 maggio e dopo il 13 maggio.
  • Transfer da e per aeroporti o stazioni ferroviarie
  • Supplemento per camera singola
  • Tutto quanto non presente nella sezione “Il prezzo include”

Informazioni

Una Tappa-tipo: Ci sveglieremo presto e dopo i preparativi personali e un’abbondante colazione l’organizzazione darà il via della tappa giornaliera. La partenza è prevista tra le 8:00 e 9.00 circa del mattino, dipendendo dal chilometraggio in programma. Si raccomanda di prendere con calma la pedalata quotidiana e di cercare di godere degli splendidi paesaggi che ci circonderanno. 

Incontreremo il veicolo di appoggio solamente per la pausa pranzo, in questa occasione, chi lo volesse potrà decidere di percorrere la seconda parte in auto.

Le escursioni non sono una competizione anche se richiederanno una buona preparazione. Verso le 15.00-17.00, a secondo del ritmo tenuto e del tempo che ci impiegheremo, finirà la tappa: è ora di riposare e di rigenerarsi. Dopo la cena l’Organizzazione terrá il briefing della tappa dell’indomani. Concluderemo la giornata con una piacevole chiacchierata tutti in compagnia.

Nota Importante! L'intero percorso si svolgerà su sentieri e piste dove il veicolo di assistenza non ci potrà seguire. L'organizzazione metterà a disposizione dei partecipanti tutta la propria esperienza e il massimo impegno affinché possiate godere del massimo comfort durante tutta la spedizione. L'organizzazione si riserva il diritto di cambiare in corso d'opera il tracciato della spedizione nel caso si presentassero dei tagli nelle piste da seguire o, semplicemente, per salvaguardare la sicurezza di tutti i partecipanti.


Assistenza Sanitaria: Nel corso di tutto il viaggio potremo contare su una valigetta di primo soccorso ben fornita. Nonostante questo, consigliamo ad ognuno di voi di non partire senza la propria scorta di farmaci. Chiunque fosse allergico a un determinato farmaco e/o alimento è pregato di comunicarlo alla direzione di Projecting Adventure Cyclism. Non è richiesta nessun tipo di vaccinazione particolare, anche se è raccomandabile essere coperti con la vaccinazione antitetanica.

Clima: Maggio è da considerarsi un mese ideale per la mountain bike in centro Italia. Non è ovviamente esclusa la possibilità di precipitazioni anche di forte intensità per esempio sul Monte Amiata.

Alimentazione: Chi fosse vegetariano o allergico a qualunque tipo di alimento in generale, è pregato di avvisare l’organizzazione.

Assistenza meccanica: La riparazione di forature sarà a cura del ciclista stesso come anche la manutenzione e pulizia della catena al termine di ogni tappa, quindi è indispensabile che ognuno porti con se un kit per eventuali riparazioni sia meccaniche che per semplici forature. I membri dell'organizzazione saranno comunque sempre a disposizione per aiutare a risolvere piccole avarie. Ogni partecipante, se lo ritiene opportuno, può portare con se pezzi di ricambio che l'organizzazione si preoccuperà di trasportare sul veicolo e consegnare ai proprietari al momento del bisogno.

Consigli sulla Mountain-bike: Il percorso si svolge prevalentemente su strade sterrate pedalabili, saranno comunque presenti brevi single track e tratti pietrosi dove è richiesta una buona conduzione della bici, non sono da escludere inoltre tratti fangosi. Copertoni consigliati da 2.0/2.2. Naturalmente i freni, qualsiasi sistema montiate, che siano perfettamente funzionanti. Consigliato di portare due portaborraccia e contachilometri.
In ogni caso, una decina di giorni prima della partenza, richiedete un tagliando accurato al vostro meccanico di fiducia. Preoccupatevi di provare la bici dopo il tagliando.

Borse per biciclette: avremo uno spazio limitato per il trasporto dei bagagli, dunque non trasporteremo eventuali borse per bici in plastica o troppo ingombranti. per cortesia, se arriverete con la bici imballata che sia in una borsa morbida o un cartone che potremo poi recuperare a Firenze. Qualunque bagaglio ingombrante dovrà essere inviato all'hotel di Firenze a spese del proprietario.

 

Norma Basica

 

Al fine di ottenere la maggior efficacia del viaggio e affinché il ROMA FIRENZE Off Road  si sviluppi in tutta sicurezza, l'Organizzazione ha creduto conveniente adottare alcune norme di base. 

a.    Equipaggiamento e attrezzatura necessari 

Disporremo di uno spazio abbastanza limitato per il trasporto di tutto l'equipaggiamento dei partecipanti alla spedizione. Quindi, è meglio sottolineare qui che durante il viaggio ogni persona dovrà portarsi strettamente quello che vi elenchiamo a seguito:

  • Un borsone da viaggio identificabile
  • Abbigliamento ciclistico (corto e lungo)
  • Gambali e manichette
  • Guanti leggeri e pesanti
  • Cappelino leggero e berretta in pile o lana
  • Giacchetta anti vento
  • Calze e scarpe adeguate per pedalare
  • Scarpe per il dopo bici
  • Un pile o maglione di lana
  • Uno zainetto o borsa da attaccare al porta pacchi durante le ore di bici
  • Creme idratanti e di protezione solare 
  • Casco (uso obbligatorio)
  • Due borracce da 750 cl
  • Kit antiforature + 2 camere d'aria di scorta +  pompa
  • Copertone di scorta
  • Smagliacatena, multitool e olio per catena
  • Una piccola farmacia personale.
  • Occhiali da sole

 

b.    Borsa pranzo
Prima della partenza l'organizzazione consegnerà a ogni partecipante la borsa dei rifornimenti alimentari che questi porteranno con loro nello zainetto

 

c.    Tutela dell’ambiente
Ogni partecipante si impegna alla salvaguardia dell'ambiente. Carte o involucri vari dovranno essere portati fino a fine tappa o consegnati ai veicoli dell’organizzazione

 

d. Sicurezza stradale
Senza limitare l'entusiasmo ciclistico di ogni partecipante l’organizzazione si appella alla responsabilità di ognuno nell'uso della propria mountainbike, al fine di evitare gravi incidenti a se stessi, agli altri e all’organizzazione. Vi preghiamo di circolare sempre con molta precauzione e usare sempre il casco.

 

e. Diritto dell’organizzazione
Data la caratteristica dell'ambiente e del viaggio, l'organizzazione si riserva il diritto di cambiare in corso d'opera il tracciato della spedizione, nel caso si presentino dei tagli nelle piste o semplicemente per salvaguardare la sicurezza di tutti i partecipanti.

 

f. Dichiarazione Liberatoria di Responsabilità
È necessario firmare la Dichiarazione Liberatoria di Responsabilità che si trova in allegato alla scheda tecnica scaricabile dal sito.

ITINERARIO

I clienti dicono

  • Over all the trip was fantastic. The food and accommodations surpassed expectations. The route was complex and varied and the sights were something else.

    Kayla V., Canada