Dolomiti

Italia

Road Bike

Dolomiti

Italia

GIORNI:7
KM:425
D+:10400
LIVELLO:6

Da

1290€

a persona

Pedalando tra le più belle montagne del mondo

L'obiettivo di questa proposta di PA-Cyclism è quello di farvi pedalare tra le più belle montagne del mondo, le Dolomiti,  dichiarate patrimonio naturale dell'umanità dall'UNESCO. 
Una settimana di grande ciclismo lungo le strade che hanno fatto la storia del Giro d'Italia. 
Abbiamo inserito, in questo itinerario, anche le Dolomiti di Brenta, meno rinomate delle "cugine" bellunesi ma che sapranno sorprendere per la loro bellezza.
Partenza dalle sponde del Lago di Garda ed arrivo nella splendida Cortina d'Ampezzo dove trascorreremo due giornate.
In mezzo, come detto, i "mitici" passi alpini che continuano a fare la storia del ciclismo: Sella, Giau, Tre Croci , dall'alto dei quali sarà possibile ammirare le vette Dolomitiche in tutto il loro splendore: la Marmolada, il Sassolungo, le Tre Cime di Lavaredo e tante altre.
Non mancheranno i momenti di meritato riposo al termine della giornata trascorsa in sella, e questo avverrà nelle strutture ricettive che abbiamo selezionato per voi, dove l'ottima cucina locale integrerà alla grande lo sforzo compiuto.

Tappe

4  Luglio 2015
Arrivo dei partecipanti a Verona (stazione ferroviaria/aeroporto) dove un mezzo dell’organizzazione vi aspetterà per condurvi in hotel a Torri Del Benaco, sede di partenza della 1ª tappa. Giornata dedicata alla preparazione delle biciclette e verifica del loro funzionamento, resto della giornata libero. Cena e pernottamento in hotel.

5 Luglio 2015: Torri del Benaco – Riva del Garda  
1a Tappa - 86 km - Dislivello+ 1.200 mt
Partiamo da Torri del Benaco affrontando una salita di circa 14 km con pendenza media del 4% per poi proseguire in discesa fino al km 30, i successivi chilometri si svilupperanno su di una strada vallonata ma sempre con un leggero dislivello positivo in ambienti molto panoramici sulla Val d’Adige.  All'altezza di Mori lasciamo al Val d'Adige per dirigerci nuovamente verso il Lago di Garda che rivedremo all'altezza di Torbole.                                    

6 Luglio 2015: Riva del Garda - Cavalese  
2a Tappa - 128 Km - Dislivello+ 2.900 mt
Lasciamo Riva del Garda muovendoci verso nord in direzione Tenno. Una costante salita di 15 km ci porta a valicare il Passo del Ballino a 750 mt di altezza. Dopo una breve discesa riprendiamo quota risalendo la valle per raggiungere Molveno ed il suo lago. Alla nostra sinistra un'ampia vista sulle Dolomiti di Brenta. Dopo la zona degli impianti di Fai della Paganella inizia una veloce discesa di circa 14 km che ci porta nell'ampia Val d'Adige. Poco prima di Lavis imbocchiamo una ripida salita che nel giro di una decina di chilometri ci porta a Cembra da dove seguendo la Val Floriana raggiungiamo la Val di Fiemme e Cavalese.

7 Luglio 2015: Cavalese - Selva Val Gardena
3a Tappa - 80 Km - Dislivello+ 2.600 mt
Dall'abitato di Cavalese risaliamo per 11 km verso i 1.805 mt del Passo di Lavazé. La seguente discesa ci porta in Val d'Ega. Seguendo e risalendo la valle andremo ad ammirare gli splendidi colori del Lago di Carezza. Con lo sguardo rivolto al massiccio del Catinaccio entreremo poi in Val di Fassa percorrendola fino a Canazei. Da qui imboccheremo la salita che ci porta alla cima Coppi del nostro giro, il mitico Passo Sella 2244 mt. Una sosta al rifugio e un utlimo sguardo al Sassolungo prima della discesa per Selva Val Gardena.  

8 Luglio 2015: Selva Val Gardena - Cortina d'Ampezzo
4a Tappa - 76 Km - Dislivello+ 2.150 mt
Dall'abitato di Selva ripercorriamo parte della strada del giorno precedente fino a svoltare per il Passo Gardena (mt. 2.136) che raggiungeremo dopo circa 12 km. Dal passo altra magnifica discesa per giungere a Corvara. Si ricomincia subito a salire in direzione di Arabba e Passo Campolongo (mt. 1.875) per poi prendere la Valle del Cordevole che ci porterà all'imbocco della strada che sale al Passo Giau (mt. 2.236). Dal passo altra veloce discesa fino alla nostra meta: Cortina d'Ampezzo.

9 Luglio 2015: Cortina - Tre Cime di Lavaredo
5a Tappa - 55 Km - Dislivello+ 1.550 mt
L'ultima tappa del nostro giro è un anello con partenza ed arrivo nella splendida Cortina d'Ampezzo. Scaleremo il passo Tre Croci per poter ammirare il Lago di  Misurina e giungere sotto le  Tre Cime di Lavaredo, stesso arrivo della penultima tappa del Giro d'Italia 2013.

10 Luglio 2015 
In mattinata transfer di rientro a Verona (aeroporto/stazione). Fine dei Servizi. 

Date

Prossima Partenza

Arrivo all'aeroporto o stazione di Verona entro le 15.00 del 4 Luglio 2015

Partenza dall'aeroporto o stazione di Verona dopo le 14.00 10 Luglio 2015

 

Viaggio su misura

Su richiesta per gruppi minimi di 3 persone

Contattateci per maggiori informazioni.

 

Prezzo

Il costo individuale di partecipazione è di:

Prezzo per un gruppo di: 5 o più persone € 1.290 a testa
Prezzo per un gruppo di: 4 persone € 1.390 a testa
Prezzo per un gruppo di: 3 persone € 1.490 a testa


Numero minimo partecipanti
Numero massimo 20 partecipanti 


Il prezzo include

  • Transfer da e per l'aeroporto o stazione ferroviaria di Verona i giorni 4 e 10 luglio.
  • Veicoli dell’organizzazione per trasporto bagagli e assistenza.
  • Equipe organizzativa e logistica composta da guide in bici, autisti ed aiutanti.
  • Pensione completa durante le tappe con sistemazioni in Hotel 3/4 stelle in camera doppia.
  • Copertura assicurativa di viaggio.

 

Il prezzo non include

  • Biglietto aereo o di treno A/R, overbaggage e costo trasporto bici.
  •  Transfer da e per l'aeroporto o stazione ferroviaria in date diverse da quelle specificate.
  • Il pranzo nei giorni di transfer.
  • Mance e bevande alcoliche durante il tour.
  • Supplemento per camera singola
  • Invio borse bici in plastica rigide o ingombranti all'hotel di Cortina
  • Tutto quanto non presente nella sezione “Il prezzo include”

Informazioni

Informazioni di una Tappa-tipo: Ci sveglieremo presto e dopo i preparativi personali e un’abbondante colazione l’organizzazione darà il via della tappa giornaliera. La partenza è prevista tra le 9.00 e 10.00 circa del mattino, dipendendo dal chilometraggio in programma. Si raccomanda di prendere con calma la pedalata quotidiana e di cercare di godere degli splendidi paesaggi che ci circonderanno. 
Le escursioni non sono una competizione anche se richiederanno una buona preparazione. Nel primo pomeriggio, a secondo del ritmo tenuto e del tempo che ci impiegheremo, finirà la tappa: è ora di riposare e di rigenerarsi. Dopo la cena l’Organizzazione terrá il briefing della tappa dell’indomani. Concluderemo la giornata con una piacevole chiacchierata tutti in compagnia.

Nota Importante: L'organizzazione si riserva il diritto di cambiare in corso d'opera il tracciato delle singole tappe per casi di forza maggiore o, semplicemente, per salvaguardare la sicurezza di tutti i partecipanti.

Assistenza Sanitaria: Nel corso di tutto il viaggio potremo contare su una valigetta di primo soccorso ben fornita. Nonostante questo, consigliamo ad ognuno di voi di non partire senza la propria scorta di farmaci. Chiunque fosse allergico a un determinato farmaco e/o alimento è pregato di comunicarlo alla direzione di Projecting Adventure Cyclism. 

Clima: Luglio è da considerarsi un mese ideale per la bicicletta in questa zona delle Alpi. Tenendo conto delle altitudini che raggiungeremo, non è ovviamente esclusa la possibilità di precipitazioni anche di forte intensità e a carattere temporalesco.

Alimentazione: Chi fosse vegetariano o allergico a qualunque tipo di alimento in generale, è pregato di avvisare l’organizzazione.

Assistenza meccanica: La riparazione di forature sarà a cura del ciclista stesso come anche la manutenzione e pulizia della catena al termine di ogni tappa, quindi è indispensabile che ognuno porti con se un kit per eventuali riparazioni sia meccaniche che per semplici forature. I membri dell'organizzazione saranno comunque sempre a disposizione per aiutare a risolvere piccole avarie. Ogni partecipante, se lo ritiene opportuno, può portare con se pezzi di ricambio che l'organizzazione si preoccuperà di trasportare sul veicolo e consegnare ai proprietari al momento del bisogno.

Borse per biciclette: avremo uno spazio limitato per il trasporto dei bagagli, dunque non trasporteremo eventuali borse per bici in plastica o troppo ingombranti. per cortesia, se arriverete con la bici imballata che sia in una borsa morbida o un cartone che si possa piegare. Qualunque bagaglio ingombrante dovrà essere inviato all'hotel di Cortina a spese del proprietario.

 

 

Norma Basica

 

Al fine di ottenere la maggior efficacia del viaggio e affinché il viaggio si sviluppi in tutta sicurezza, l'Organizzazione ha creduto conveniente adottare alcune norme di base. 

a. Equipaggiamento e attrezzatura necessari 
Disporremo di uno spazio abbastanza limitato per il trasporto di tutto l'equipaggiamento dei partecipanti. Quindi, è meglio sottolineare qui che durante il viaggio ogni persona dovrà portarsi strettamente quello che vi elenchiamo a seguito:
 

  • Un borsone da viaggio identificabile
  • Abbigliamento ciclistico (corto e lungo)
  • Gambali e manichette
  • Guanti leggeri e pesanti
  • Cappelino leggero 
  • Giacchetta anti vento
  • Calze e scarpe adeguate per pedalare
  • Un pile o maglione di lana
  • Creme idratanti e di protezione solare 
  • Casco (uso obbligatorio)
  • Giubbino catarifrangente (per transito in gallerie) + luce posteriore
  • Due borracce da 750 cl
  • Kit antiforature + 2 camere d'aria di scorta
  • Una piccola farmacia personale.
  • Occhiali da sole

b. Rifornimenti
Prima della partenza l'organizzazione consegnerà a ogni partecipante barrette e gel energetici da portare con se durante la tappa. In ogni caso i veicoli saranno a disposizione per il riempimento delle borracce ed ulteriori scorte alimentari

c. Tutela dell’ambiente
Ogni partecipante si impegna alla salvaguardia dell'ambiente. Carte o involucri vari dovranno essere portati fino a fine tappa o consegnati ai veicoli dell’organizzazione

d. Sicurezza stradale
Senza limitare l'entusiasmo ciclistico di ogni partecipante l’organizzazione si appella alla responsabilità di ognuno nell'uso della propria bici, al fine di evitare gravi incidenti a se stessi, agli altri e all’organizzazione. Vi preghiamo di circolare sempre con molta precauzione e usare sempre il casco.

e. Diritto dell’organizzazione
Data la caratteristica dell'ambiente e del viaggio, l'organizzazione si riserva il diritto di cambiare in corso d'opera il tracciato per salvaguardare la sicurezza di tutti i partecipanti.

f. Dichiarazione Liberatoria di Responsabilità
È necessario firmare la Dichiarazione Liberatoria di Responsabilità che si trova in allegato alla scheda tecnica scaricabile dal sito.

ITINERARIO

I clienti dicono