Toscana

Italia

Road Bike

Toscana

Italia

GIORNI:8
KM:690
D+:10000
LIVELLO:7

Da

1390€

a persona

Pedalando tra la Maremma ed il Chianti

Il nostro itinerario si sviluppa interamente in Toscana, probabilmente la regione che meglio rappresenta l'immagine dell'Italia nel mondo. 
Questo territorio è stato abitato e modificato nel corso dei secoli dall'uomo fino a divenire come oggi ci appare: un perfetto connubio di arte, paesaggio storia e gastronomia. 
La bici è indubbiamente il mezzo più idoneo per andare alla scoperta di questo territorio che è in prevalenza collinare, le poche pianure sono presenti sulla costa e lungo i fiumi.
In questo tour dimenticherete però la fatica di pedalare ammirando lo splendido paesaggio e pregustando l'ottima cucina ed il buon vino che ogni sera avrete la fortuna di assaporare.
Pedaleremo su percorsi unici nelle colline del Chianti Classico o attraversando borghi medievali arroccati su colline ricoperte di vigne e uliveti, dove il tempo sembra essersi fermato, seguiremo gli antichi percorsi della Via Francigena e le rinomate strade bianche, teatro della più famosa gara storica in bici: l'Eroica e raggiungeremo infine Firenze per pedalare sul percorso che ha ospitato i mondiali di ciclismo nel 2013. 

Tappe

Giorno 1 - San Gimignano
Tutti i partecipanti dovranno arrivare all'aeroporto di Pisa (PSA) entro le 18.00 o direttamente a San Gimignano. 
Sistemazione in Hotel a San Gimignano, preparazione delle bici e cena di benventuto.

Giorno 2: San Gimignano – San Galgano 
1a Tappa - 97 km - Dislivello+ 1.600 mt
San Gimignano è nota per le sue antiche torri, risalenti al 13 secolo. Oggi ne restano solo 14 ma nell'antichità la città arrivò ad averne fino a 72, tanto da meritarsi l'appellativo di Manhattan del Medio Evo. Lasceremo il nostro hotel per attraversare la Val d'Elsa e testare finalmente le colline toscane. La nostra strada attraverserà fitti boschi ed ampie zone coltivate prima di giungere alla prima vera sfida del nostro tour: la risalita a Volterra, una delle principali città del periodo etrusco. Ci dirigeremo poi verso sud attraverso la Val di Cecina ed i suoi continui saliscendi per raggiungere la antica Abbazia di San Galgano, un antico e spettacolare edificio di cui restano solamente le mura ed all'interno del quale si trova una antica spada conficcata nella roccia. A poche centinaia di metri dall'abbazia si trova il nostro agriturismo. 

Giorno 3: San Galgano – Montepescali 
2a Tappa - 136 km - Dislivello+ 1.400 mt
Lasciamo il misticismo di questo luogo e ci dirigiamo verso sud, la prima parte della tappa si sviluppa all'interno di fitti boschi con continui saliscendi. Dopo una ventina di chilometri iniziamo a perdere quota fino a raggiungere la Rocca di Montemassi. Siamo oramai nel cuore della Maremma Toscana, una ampia zona, un tempo paludosa e insalubre, dove il duro lavoro dell'uomo ed importanti opere di bonifica hanno creato uno degli angoli più suggestivi della regione. Proseguiremo fino al mare che raggiungeremo dopo avere attraversato le colline che degradano verso il mare. Dopo una sosta a Castiglione della Pescaia, torneremo verso l'interno non prima di una visita all'antica città etrusca di Vetulonia. 

Giorno 4: Montepescali – Amiata 
3a Tappa - 86 km - Dislivello+ 1.700 mt
La tappa di oggi è in prevalenza in salita, dovremo infatti raggiungere il punto più alto del nostro tour: il Monte Amiata a oltre 1.300 mt di quota. Ci muoveremo verso l'interno andando a est per raggiungere le pendici del Monte, i cui pendii ricoperti di fitti boschi potremo scorgere già dall'inizio della nostra tappa. Il monte Amiata è un antico vulcano, oramai spento, noto sin dall'antichità per le sue numerose sorgenti e la grande quantità di acque termali. Lasciato il paese di Castelpiano inizieremo la risalita vera e propria, attraversando fitti boschi di castagne alle quote più basse che saranno sostituiti dagli ombroso faggi man mano che saliremo. Ad attenderci un confortevole hotel dove potremo ristorarci con la cucina a base di prodotti del luogo come funghi e castagne, oltre all'immancabile buon vino toscano. 

Giorno 5: Amiata – Fonterutoli 
4a Tappa - 141 km - Dislivello+ 2.200 mt
Lasciamo il Monte Amiata scendendo dal suo versante settentrionale, uscendo dalla provincia di Grosseto e rientrando in quella di Siena attraverso la Val d'Orcia. La lunga discesa ci porta a perdere quasi 1000 metri di quota fino a raggiungere il fondo valle in prossimità dell'affascinante Borgo di Bagno Vignoni, noto per le sue acque termali e per la piscina che occupa il centro del paese invece della più classica piazza. Pedalando attraverso i suoi rinomati vigneti risaliremo fino a Montalcino, luogo di produzione del rinomato Brunello.
Entreremo poi nel percorso dell'Eroica, che attraverso tratti di strade bianche alternati a poco trafficate strade secondarie ci permetterà di raggiungere il centro storico di Siena.  Lasciata la città del Palio ci inoltreremo nelle colline del Chianti per raggiungere l'antico Borgo di Fonterutoli che ci ospiterà per le prossime due notti.

Giorno 6: Fonterutoli - Florence - Fonterutoli 
5a Tappa - 167 km - Dislivello+ 2.200 mt
Questo giro ad anello ci permetterà di scoprire la bellezza di questa terra, detta del Chianti Classico, dal nome dell'omonimo e rinomato vino. Raggiungeremo inoltre Firenze, culla del rinascimento e città d'arte tra le più visitate al mondo.Dal Borgo di Fonterutoli raggiungeremo Radda in Chianti ed i suoi vigneti. Dopo avere attraversato il Parco Naturale di Cavriglia. lasceremo le colline del Chianti per scendere nella Val d'Arno, il fiume che attraversa sia Firenze che Pisa. Seguendo il corso del fiume raggiungeremo Firenze, non prima di avere affrontato la mitica collina di Fiesole, teatro del Mondiale di Ciclismo 2013. Dopo una sosta nel centro storico risaliremo verso Piazzale Michelangelo per godere di un ultimo paesaggio da cartolina. Il rientro verso Fonterutoli avverrà lungo la rinomata strada del Chianti che dopo avere attraversato diversi centri, luoghi di produzione del rinomato vino giungerà infine al nostro borgo.

Giorno 7: Fonterutoli - San Gimignano
6a Tappa - 59 km - Dislivello+ 900 mt
La passerella finale di questo nostro tour ci riporterà a San Gimignano, non prima di avere goduto di un ultimo scorcio di Toscana.
Scendendo da Fonterutoli raggiungeremo il piccolo borgo fortificato di Monteriggioni per poi proseguire nella Val d'Elsa, attraverso tratti della antica via Francigena: un antica rotta di pellegrinaggio che collegava Canterbury a Roma. Nonostante le belle torri di San Gimignano siano già davanti a noi avremo ancora tempo per l'ultima collina del nostro tour, attraverso la Riserva Naturale di CastelVecchio. 

Giorno 8
In mattinata transfer all'aeroporto di Pisa. Fine dei servizi.

Date

Viaggio su misura

Su richiesta per gruppi minimi di 5 persone

Dal 1 Aprile al 30 Settembre 2015

Contattateci per maggiori informazioni.

Prezzo

Il costo individuale di partecipazione è di:

Prezzo per un gruppo di: 7 o più persone € 1.390 a testa
Prezzo per un gruppo di: 6 persone € 1.490 a testa
Prezzo per un gruppo di: 5 persone € 1.590 a testa

Numero minimo: 5 partecipanti
Numero massimo: 18 partecipanti 

 

Il prezzo include

  • Transfer da e per l'aeroporto di Pisa il Giorno 1 e 8.
  • Veicoli dell’organizzazione per trasporto bagagli e assistenza.
  • Equipe organizzativa e logistica composta da guide in bici, autisti ed aiutanti.
  • Pensione completa durante le tappe con sistemazioni in Hotel 3/4 stelle in camera doppia.
  • Copertura assicurativa di viaggio.


Il prezzo non include

  • Biglietto aereo o di treno A/R, overbaggage e costo trasporto bici.
  • Transfer da e per l'aeroporto o stazione ferroviaria in date diverse da quelle specificate.
  • Il pranzo nei giorni di transfer.
  • Notti extra a Pisa o Firenze
  • Mance e bevande alcoliche durante il tour.
  • Supplemento per camera singola
  • Tutto quanto non presente nella sezione “Il prezzo include”

Informazioni

Una Tappa-tipo: Ci sveglieremo presto e dopo i preparativi personali e un’abbondante colazione l’organizzazione darà il via della tappa giornaliera. La partenza è prevista tra le 9.00 e 10.00 circa del mattino, dipendendo dal chilometraggio in programma. Si raccomanda di prendere con calma la pedalata quotidiana e di cercare di godere degli splendidi paesaggi che ci circonderanno. Le escursioni non sono una competizione anche se richiederanno una buona preparazione. Nel primo pomeriggio, a secondo del ritmo tenuto e del tempo che ci impiegheremo, finirà la tappa: è ora di riposare e di rigenerarsi. Dopo la cena l’Organizzazione terrá il briefing della tappa dell’indomani. Concluderemo la giornata con una piacevole chiacchierata tutti in compagnia.

Nota Importante: L'organizzazione si riserva il diritto di cambiare in corso d'opera il tracciato delle singole tappe per casi di forza maggiore o, semplicemente, per salvaguardare la sicurezza di tutti i partecipanti.

Assistenza Sanitaria: Nel corso di tutto il viaggio potremo contare su una valigetta di primo soccorso ben fornita. Nonostante questo, consigliamo ad ognuno di voi di non partire senza la propria scorta di farmaci. Chiunque fosse allergico a un determinato farmaco e/o alimento è pregato di comunicarlo alla direzione di Projecting Adventure Cyclism.

Clima: I mesi migliori per fare ciclismo o cicloturismo in Toscana sono marzo-giugno e settembre-ottobre. In luglio ed agosto vi possono essere periodo molto caldi e le attività sportive sono limitate alla mattina presto o al tardo pomeriggio, oppure, sopratutto per la mountain bike, ai giri in notturna. Gli altri mesi possono essere più freddi o più piovosi, ed in inverno è bene evitare i passi. Ma in realtà tutti i mesi sono buoni in Toscana per l'amante della bicicletta !

Alimentazione: Chi fosse vegetariano o allergico a qualunque tipo di alimento in generale, è pregato di avvisare l’organizzazione.

Assistenza meccanica: La riparazione di forature sarà a cura del ciclista stesso come anche la manutenzione e pulizia della catena al termine di ogni tappa, quindi è indispensabile che ognuno porti con se un kit per eventuali riparazioni sia meccaniche che per semplici forature. I membri dell'organizzazione saranno comunque sempre a disposizione per aiutare a risolvere piccole avarie. Ogni partecipante, se lo ritiene opportuno, può portare con se pezzi di ricambio che l'organizzazione si preoccuperà di trasportare sul veicolo e consegnare ai proprietari al momento del bisogno.

Le Strade Bianche: Pedaleremo alcune sezioni di "strade bianche" ovvero sterrati. Questo tipo di strade sono caratteristiche della Toscana, e sede di una famosa gara per bici storiche: L'Eroica. Per questo motivo vi raccomandiamo l'utilizzo di copertoni adeguati per questo genere di terreno.

 

 

Norma Basica

 

Al fine di ottenere la maggior efficacia del viaggio e affinché il viaggio si sviluppi in tutta sicurezza, l'Organizzazione ha creduto conveniente adottare alcune norme di base.

a. Equipaggiamento e attrezzatura necessari

Disporremo di uno spazio abbastanza limitato per il trasporto di tutto l'equipaggiamento dei partecipanti. Quindi, è meglio sottolineare qui che durante il viaggio ogni persona dovrà portarsi strettamente quello che vi elenchiamo a seguito:

  • Un borsone da viaggio identificabile
  • Abbigliamento ciclistico (corto e lungo)
  • Gambali e manichette
  • Guanti leggeri e pesanti
  • Cappelino leggero
  • Giacchetta anti vento
  • Calze e scarpe adeguate per pedalare
  • Un pile o maglione di lana
  • Creme idratanti e di protezione solare
  • Casco (uso obbligatorio)
  • Due borracce da 750 cl
  • Kit antiforature + 2 camere d'aria di scorta
  • Una piccola farmacia personale.
  • Occhiali da sole
     

b. Rifornimenti
Prima della partenza l'organizzazione consegnerà a ogni partecipante barrette e gel energetici da portare con se durante la tappa. In ogni caso i veicoli saranno a disposizione per il riempimento delle borracce ed ulteriori scorte alimentari.
 

c. Tutela dell’ambiente
Ogni partecipante si impegna alla salvaguardia dell'ambiente. Carte o involucri vari dovranno essere portati fino a fine tappa o consegnati ai veicoli dell’organizzazione

d. Sicurezza stradale
Senza limitare l'entusiasmo ciclistico di ogni partecipante l’organizzazione si appella alla responsabilità di ognuno nell'uso della propria bici, al fine di evitare gravi incidenti a se stessi, agli altri e all’organizzazione. Vi preghiamo di circolare sempre con molta precauzione e usare sempre il casco.

e. Diritto dell’organizzazione
Data la caratteristica dell'ambiente e del viaggio, l'organizzazione si riserva il diritto di cambiare in corso d'opera il tracciato per salvaguardare la sicurezza di tutti i partecipanti.

 

f. Dichiarazione Liberatoria di Responsabilità
È necessario firmare la Dichiarazione Liberatoria di Responsabilità che si trova in allegato alla scheda tecnica scaricabile dal sito.

ITINERARIO

I clienti dicono